Agevolazioni per l'acquisto della prima casa - Agenzia Immobiliare ZENITH Grieco Sandro

Vai ai contenuti

Menu principale:

INFO & SUGGERIMENTI > Le imposte da pagare
 

Le agevolazioni per l'acquisto della prima casa

La normativa fiscale prevede delle agevolazioni per l'acquisto della "prima casa". Per usufruire di tali agevolazioni non e' necessario che l'immobile sia destinato ad abitazione propria e/o dei propri familiari.Tale agevolazioni sono riconosciute in sede di registrazione dell'atto e competono anche per l'acquisto della nuda proprieta', del diritto di abitazione, uso e usufrutto.

IMPOSTE DOVUTE DALL'ACQUIRENTE
   VENDITORE                                                                             IVA       REGISTRO     IPOTECARIA      CATASTALE


    Privato                                                                                   NO              2%                € 50,00             € 50,00
                                                                                                                                                                              
.

-Impresa costruttrice (o di ristrutturazione) che vende
dopo 4 anni dall'ultimazione dei lavori                                           ESENTE        2%               € 200,00            € 200,00
-Impresa non costruttrice e che non ha eseguito lavori                     
di restauro, risanamento o ristrutturazione
                                                                                                                   .

Impresa costruttrice (o di ristrutturazione) che vende
entro 4 anni dall'ultimazione dei lavori o successivamente
nel caso in cui entro tale termine i fabbricati siano stati                      4%         € 200,00            € 200,00            € 200,00
locati per un periodo non inferiore a 4 anni in attuazione
di programmi di edilizia residenziale convenzionata
                                                                                                        .                                                                                                                                     

Per poter usufruire di tali agevolazioni bisogna rispettare alcuni requisiti che devono essere indicati nell'atto; se essi sono stati omessi nell'atto di compravendita bisogna redigere un atto integrativo.

Requisiti:

- la casa di abitazione non deve essere "di lusso". Per verificare ciò bisogna far riferimento ai criteri individuati dal decreto del Ministero dei lavori pubblici del 2 agosto 1969.
- l'immobile deve essere ubicato nel Comune di residenza o nel quale l'acquirente intende stabilire la propria residenza entro 18 mesi dalla stipula, o nel Comune in cui svolge la propria attività.
Al personale delle Forze Armate non è richiesto il requisito della residenza.
Per i cittadini italiani residenti all'estero deve essere la prima casa posseduta sul territorio italiano.

- l'acquirente non deve essere titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove si trova l'immobile oggetto di atto di compravendita.
- l'aquirente non deve essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà su altra casa di abitazione, acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa.

L'acquirente decade dai benefici se:

- rende false dichiarazioni nell'atto;
- non trasferisce la propria residenza entro il termine di 18 mesi dall'acquisto nel comune in cui è ubicato l'immobile;
- vende o dona l'immobile prima del termine di 5 anni dalla data di acquisto e non riacquista un altro immobile da adibire a propria abitazione principale entro un anno.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu